TANGENZIALE SUD UN ALTRO PASSO IN AVANTI DA LUNEDI’ 20 NOVEMBRE PARTONO I LAVORI DI RIFACIMENTO DI VIA CABRIOLO PROSEGUE IL CANTIERE DI UN’OPERA STRATEGICA PER LA VIABILITA’ DI FIDENZA

 

Via Ponte Nuovo sarà a senso unico in direzione Fidenza fino alla conclusione dei lavori

Sull’intervento il Comune ha investito 1.460.000 euro

 

Fidenza, sabato 18 novembre – Tangenziale sud, lunedì 20 novembre iniziano i lavori per un altro tassello strategico dell’opera che cambierà in meglio la viabilità di Fidenza. Opera su cui il Comune ha investito 1.460.000 euro. Partiranno infatti i lavori per il rifacimento di via Cabriolo, per una lunghezza complessiva di 1 km, nel tratto che dalla rotonda di Cabriolo raggiungerà la nuova rotatoria della Boschina, un intervento cruciale per dotare Fidenza di quella viabilità moderna e sicura di cui ha bisogno.

Il cantiere comporta la necessità di mettere a senso unico via Ponte Nuovo (ordinanza n° 274 del 13 novembre 2017), ossia il tratto stradale che dallo svincolo della Boschina va verso Parma. Ciò significa che per chi da Salsomaggiore Terme e Tabiano si muove verso Parma nulla cambia, mentre coloro che dalla via Emilia e dalla periferia Sud di Fidenza vogliono raggiungere Tabiano, Salsomaggiore e la zona ospedaliera di Vaio dovranno percorrere una strada alternativa costituita da via La Bionda, via Donatori del Sangue, via Togliatti e il tratto sud di via Caduti di Cefalonia per ricongiungersi con la strada per Tabiano.

Quella programmata è una modifica fisiologica che consente di allargare la sede stradale attuale che costeggia la piana di Cabriolo, con un ampliamento che avviene dal lato verso il torrente Rovacchia e che prevede il completo rifacimento della struttura stradale attuale. A fine lavori la carreggiata avrà le dimensioni ideali per consentire lo scorrimento più agevole e in sicurezza possibile: 10,5 metri di larghezza, corsie larghe 3,75 metri e banchine di 1,5 metri.

 

UN’OPERA STRATEGICA CONDIVISA ANCHE CON LA SOPRINTENDENZA

La riqualificazione della viabilità esistente, privilegiando l’ampliamento verso il torrente Rovacchia, è uno dei tanti aspetti che lo sviluppo del progetto esecutivo ha accolto dai suggerimenti e osservazioni della competente Sovrintendenza per le Belle Arti e il Paesaggio. Sono parte di questa collaborazione la realizzazione del nuovo ingresso alla Pieve Romanica, la riduzione, rispetto a quanto previsto dal Psc adottato, del raggio di curvatura del tratto di viabilità in nuova sede che raggiunge la rotatoria Boschina, il restringimento del diametro della nuova rotatoria ed infine l’inserimento della pista ciclabile (a costo zero per il Comune) che sul prolungamento di via Caduti di Cefalonia, il viale alberato tanto caro a noi fidentini, raggiungerà in sede propria la strada per Tabiano.

 

UN’OPERA CHE RECUPERA LA STORIA DI MARIA LUIGIA NEL SEGNO DELLA SICUREZZA STRADALE

La localizzazione della nuova rotatoria infatti, ben lungi dal negare ruolo ed importanza al vecchio viale di Tabiano ne ripropone l’asse rettilineo disegnato da Maria Luigia e gli alberi disposti in filare caratterizzeranno anche l’anello centrale della rotatoria in un’operazione quindi di ridisegno dei segni di quella parte di territorio attenta alla storia nel rispetto delle altrettanto importanti esigenze di una viabilità sicura e snella, in un punto dove anche nel recente passato sono successi incidenti gravi. A questi elementi in sede di gara d’appalto si è valutata poi favorevolmente la proposta della ditta aggiudicataria che abbassando il livello della nuova strada ha teso a non realizzare rilevati significativi in grado di incidere negativamente sul paesaggio. In tal senso pensiamo sarà particolarmente apprezzata l’eliminazione di circa 5000 mq di nastro stradale dismesso che verrà riportato a terreno agricolo tra la nuova viabilità e il torrente Rovacchia, dando continuità all’andamento in leggero declivio dei terreni agricoli.

Pubblicato: 18 Novembre 2017