SUPER CANTIERE (A COSTO ZERO) PER LA ZANI HI-TECH. DALLA FONDAZIONE CARIPARMA ARRIVANO 300.000 EURO

Dall’estate 2017 via ad interventi per 985.000 euro.

Zero barriere architettoniche, più sicurezza antisismica.

Ben 735.000 euro per azzerare sprechi d’energia, dai soffitti agli infissi.

Installata ovunque l’illuminazione a led.

 

Fidenza, 23 luglio 2016 – “L’anima di una vera smart city? Un’edilizia scolastica moderna, efficiente e sicura che rispetta l’ambiente e diventa essa stessa un messaggio positivo per i ragazzi. E’ proprio questa la rivoluzione che da 25 mesi stiamo portando avanti, cambiando in meglio strutture e servizi con un Piano scuola che ha fin qui conquistato 9 milioni di euro dal Governo, da due Ministeri in particolare e dalla Regione. Sono onorato che anche Fondazione Cariparma abbia creduto in noi, tanto da stanziare 300.000 euro a favore della grande scuola Zani, nel cuore del capoluogo comunale”.

Lo annuncia il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari, ringraziando “di cuore il presidente Paolo Andrei e tutto il Cda della Fondazione per questa nuova e bellissima pagina scritta a favore di Fidenza, dei fidentini e del diritto al futuro dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze

 

Tre i filoni di intervento – efficientamento energetico, sicurezza antisismica e abbattimento delle barriere architettoniche –, 1.000.000 di euro di opere realizzate.

Come? “A costo zero per le casse comunali, perché l’intero ammontare del cantiere sarà sostenuto dai finanziamenti arrivati – prosegue il Sindaco –. Soldi a parte, credo che tantissimi studenti abbiano preso a cuore il problema enorme dei cambiamenti climatici e della necessità di invertire la rotta del nostro sviluppo. Ecco, spero che potrà essere motivo d’orgoglio per tutti i fidentini sentirsi parte della sfida per la salvezza del pianeta, grazie a scuole come la Zani che seguono la strada aperta a Kyoto e Parigi

 

L’assessore Malvisi: “Attesi 150.000 euro di incentivi grazie ai lavori realizzati”

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Davide Malvisi, entra nel dettaglio degli interventi: “Il cantiere aprirà nell’estate 2017, subito dopo la fine delle lezioni. Alla ripresa dell’anno scolastico la Zani sarà trasformata in una scuola modello di sicurezza ed efficienza. Grazie al Fondo Kyoto sbloccato dal Ministero dell’Ambiente svilupperemo un pacchetto di opere contro gli sprechi d’energia davvero imponente, da 435.000 euro. Parlo della sostituzione di tutti i serramenti con soluzioni ad elevate prestazioni, di controsoffitti per la riduzione dei volumi riscaldati, della coibentazione dei solai del sottotetto. Con i 300.000 euro deliberati dalla Fondazione potremo ampliare la gamma di interventi, montando l’illuminazione a led di ultima generazione in tutta la scuola, abbattendo così il costo della bolletta elettrica”. Investimenti strategici, “che ci permetteranno di accedere al Conto termico 2.0 ed ottenere, così, 150.000 euro di incentivi. Pratica che abbiamo già avviata”.

 

L’Assessore Bariggi: “Ecco il nostro Distretto formativo”

Gli interventi che il Comune sta portando avanti col Piano Scuola nel suo insieme e alla “Zani” in particolare, enfatizzano la rinascita di un Distretto formativo, riferimento territoriale e spaziale che espande la capacità di tutte le scuole di perseguire le loro finalità e di esplicitarle con i curricoli che elaboreranno”, osserva l’Assessore alla Scuola, Maria Pia Bariggi.

Assessore che riflette anche sulla sfida dell’innovazione lanciata dall’Amministrazione, in materia di contrasto alle dispersioni energetiche, causa primaria del climate change. Azione che diventa essa stessa un modo di “connettere l’istruzione alla società della conoscenza, favorendo il potenziale conoscitivo, cioè la capacità di ricercare, trasferire e creare le conoscenze necessarie, fondamentali nella vita e nel lavoro dei singoli cittadini”.

Pubblicato: 25 Luglio 2016