San Donnino e sicurezza, 92 vigili al lavoro. Week-end con maxi turno fino alle 2 di notte.

 

 

Ecco i numeri dell’operazione presentati dall’assessore Malvisi.

E c’è una novità: dall’8 ottobre servizio speciale anti rifiuti in centro storico

 

 

Dall’inizio della Gran Fiera di San Donnino fino alla sua conclusione di domenica prossima, arriveremo ad impiegare 92 agenti della Polizia municipale per garantire la sicurezza dei fidentini. Una maxi operazione a cui dall’8 ottobre se ne è aggiunta una speciale, in collaborazione con San Donnino Multiservizi, dedicata alla pulizia delle strade del centro storico, che proseguirà fino a domenica”.

 

E’ il bilancio tracciato da Davide Malvisi, assessore comunale alla Sicurezza, che spiega nel dettaglio l’operato della Pm dell’Unione Terre Verdiane, partendo dal presidio notturno del centro.

 

Per ogni giorno di fiera e fino alla sua conclusione sono stati programmati turni dalle 19 all’una di notte, con due uomini ciascuno – spiega Malvisi –. Per venerdì 10 e sabato 11 ottobre sarà operativo un turno speciale esteso fino alle 2 di notte. Si tratta di una organizzazione doverosa, messa in campo per dare risposte ai cittadini che ci hanno segnalato fenomeni molesti nella prima settimana di Fiera. Come si vede, non è il nostro stile quello di nascondere i problemi, bensì lo è risolverli in tempi rapidi”.

 

Lo stesso principio applicato alla rimozione dei rifiuti e al mantenimento del decoro in Centro, “per il quale abbiamo schierato due uomini in forza alla San Donnino Multiservizi, in diversi turni per coprire tutta la giornata”.

 

Tornando al lavoro della Pm, Malvisi mette in evidenza anche il servizio “costante” di pronto intervento – “Che ha coinvolto poco meno di 30 uomini coprendo tutti i giorni di fiera, dall’alba fino a notte fonda” – e l’operazione di contrasto all’abusivismo e alla contraffazione, “condotta con 18 uomini in 8 turni”.

 

Ancora una volta dimostriamo che, pur in presenza di forti limitazioni d’organico, la collaborazione con i fidentini può portare a risultati ottimali – conclude l’assessore –. Basta rimboccarsi le maniche e ascoltare cosa chiede la città”.

Pubblicato: 10 Ottobre 2014