LAVORI ALLA RETE FOGNARIA: E’ PARTITO IL CANTIERE PER IL COLLEGAMENTO DELLA FRAZIONE DI SANTA MARGHERITA

Fidenza, 7 ottobre – Sono partiti oggi, mercoledì 7 ottobre, i lavori per il collegamento della frazione di Santa Margherita alla rete fognaria di Fidenza. L’Intervento, che verrà realizzato da EmiliAmbiente SpA con un investimento di circa 200mila euro, ha comportato la chiusura al traffico di Strada Santa Margherita (S.P. n°71) nel tratto compreso tra la tangenziale Sud di Fidenza e Santa Margherita per la sola giornata del 7 ottobre: il tracciato della nuova tubazione è stato infatti progettato per gran parte su terreno naturale, in modo da causare meno problemi possibili alla circolazione.

Attualmente la frazione di Santa Margherita è servita da una rete fognaria di tipo misto, che convoglia i reflui nella parte ovest dell’agglomerato urbano (lungo la strada comunale delle Case Rotte) dove è presente un impianto di trattamento con fossa Imhoff, di capacità pari a 400 abitanti equivalenti.

“Questo – spiega Dino Pietralunga, Direttore di EmiliAmbiente SpA – risulta però essere ormai inadeguato alla gestione delle acque reflue della frazione, sia dal punto di vista qualitativo (la normativa vigente impone infatti agli impianti superiori ai 200 abitanti equivalenti un processo di depurazione più complesso) che quantitativo, come dimostrato dalle analisi delle acque in uscita svolte dal nostro laboratorio”.

 

“Anziché prevedere un potenziamento dell’impianto esistente – afferma Emiliano Occhi, Amministratore Unico di EmiliAmbiente – si è deciso di collegare la rete della frazione a quella di Fidenza, in modo da convogliare le acque reflue della frazione al depuratore del capoluogo: questa soluzione permette di azzerare i costi di manutenzione dell’impianto di Santa Margherita e di evitare nuove spese per il suo potenziamento”.

 

“Passo dopo passo continua il nostro impegno per migliorare la situazione ambientale di Fidenza e del suo territorio. – sottolinea l’assessore all’Ambiente del Comune di Fidenza, Giancarlo Castellani – La scelta operata da Emiliambiente porta beneficio al territorio, perché rende più sicuro ed efficace il sistema di depurazione delle acque reflue”.

 

I lavori, che presumibilmente termineranno entro la fine dell’anno, prevedono il collegamento della condotta posizionata lungo la strada comunale delle Case Rotte, subito a monte dell’impianto esistente, e la posa di circa 2,3 chilometri di tubazione che, grazie al dislivello naturale verso Nord, si collegherà per gravità alla rete cittadina in località Coduro, lungo Strada Santa Margherita (S.P. n° 71).

 

Per informazioni: www.facebook.com/emiliambiente

 

Pubblicato: 07 Ottobre 2015