LAPIDE SPARITA, CI SONO I FILMATI DELLE 5 TELECAMERE AL CIMITERO. I VIGILI URBANI STANNO ANALIZZANDO LE PROVE MINUTO PER MINUTO

L’assessore Malvisi: “Solidarietà a Giovanna Galli e alla sua famiglia. Il Comune farà denuncia”

Videosorveglianza attiva 24 ore al giorno.

Analizzati ingressi e uscite dal cimitero dall’apertura alla chiusura del camposanto

 

 Circa la vicenda segnalata da Giovanna Galli in merito alla sparizione della lapide al cimitero urbano, avvenuta nella giornata di ieri, 20 agosto 2015, l’assessore alla Sicurezza e ai Servizi cimiteriali Davide Malvisi dichiara quanto segue:

 Innanzi tutto desidero esprimere la piena solidarietà del Comune di Fidenza a Giovanna Galli, per il brutto episodio di cui è rimasta vittima insieme a tutta la sua famiglia. Peraltro sottolineo in questa sede il legame d’affetto e di profonda stima verso la mamma di Giovanna, con la quale abbiamo condiviso per anni passione politica e impegno civile per la nostra comunità.

Sull’episodio in questione, proprio come richiesto dalla Galli anche a mezzo stampa, il Comune sta fornendo la massima e puntuale chiarezza grazie alle indagini in corso, potendo offrire il pieno funzionamento di tutto l’articolato sistema di controllo dell’area.

L’area del camposanto del Capoluogo è in gestione ad una azienda privata con un capitolato entrato in vigore dal 1° gennaio 2011, che ne disciplina le modalità operative. I due ingressi del cimitero, peraltro, sono serviti da 5 telecamere di videosorveglianza, tutte funzionanti nonostante il blackout prolungato di ieri e che ha interessato gran parte del centro cittadino.

Il capitolato prevede, cito, “la presenza giornaliera di una persona fissa nel cimitero”. Interrogata dagli uffici comunali preposti per dare corso all’inchiesta interna, l’azienda ha confermato la sua regolare attività, documentando la presenza della lapide anche all’apertura del camposanto, a partire dalle ore 7.30 del mattino.

Attività di controllo suffragata dalla stessa Giovanna, che parla della presenza della lapide almeno fino alle 11.30.

Lapide che avrebbe dovuto essere rimossa poco dopo, alle ore 14, per essere sostituita con un nuovo manufatto, così come disposto dalla famiglia della defunta.

La sparizione, quindi, va collocata in una ristrettissima fascia oraria. Peraltro, segnalo cosa ha testimoniato l’azienda che gestisce il cimitero in merito a quanto ritrovato sul luogo da cui è stata sottratta la lapide: “Abbiamo potuto notare che il lavoro è stato eseguito a regola d’arte e l’area di lavoro è stata accuratamente ripulita, cosa che mai accade in presenza di furto o effrazione”.

In queste ore, gli agenti del Corpo di Polizia Municipale dell’Unione Terre Verdiane, unitamente ai tecnici del Comune e dell’impresa che ha installato le telecamere, hanno acquisito tutte le registrazioni delle 5 telecamere. Gli Agenti hanno iniziato subito il lungo lavoro di visione dei filmati che documentano accessi e uscite dall’area cimiteriale nell’intero corso delle 24 ore, essendo le apparecchiature attive full time. Si tratta di due telecamere poste all’ingresso e di tre poste sul retro della struttura cimiteriale.

Il materiale video sarà trasmesso, comunque alle autorità competenti unitamente alla denuncia dell’accaduto effettuata dal Comune di Fidenza.

Pubblicato: 21 Agosto 2015