FERRROVIE DELLO STATO FIRMANO UNO STORICO ACCORDO, IL SOTTOPASSO DI VIA MASCAGNI DIVENTA REALTA’

Una delle firme più attese da oltre un decennio

Giovedì a Roma siglato l’accordo che rivoluziona la viabilità cittadina

Massari: “Recuperato il finanziamento di 7,15 milioni di euro da RFI. Un’opera necessaria e dovuta”

Malvisi: “Ultimo tassello della viabilità interna. Ora piena accessibilità alla parte nord della città”

 

Dopo l’approvazione del progetto preliminare, è stato definitivamente firmato l’accordo per la realizzazione del sottopasso che rivoluzionerà la viabilità cittadina. Giovedì a Roma nella sede di RFI, il Comune di Fidenza, alla presenza del sindaco Andrea Massari e dell’assessore ai Lavori pubblici e Viabilità, Davide Malvisi, ha formalmente sottoscritto uno dei documenti più attesi da oltre un decennio e che dà finalmente il via alla realizzazione del sottopasso di via Mascagni.

E’ l’ultima grande opera della viabilità fidentina, un collegamento necessario per unire in modo agevole la parte nord e sud della città e facilitare il transito da e per la tangenziale”, dichiara il sindaco Andrea Massari, che poi sottolinea come “convinti dell’importanza di questa infrastruttura, sin dal nostro insediamento abbiamo lavorato con determinazione per sbloccare l’opera, riprendere il confronto con RFI e per far comprendere al Governo la necessità dell’infrastruttura. Abbiamo riscontrato in RFI una grande disponibilità, interesse e volontà nel rapporto di collaborazione e di procedere celermente alla realizzazione dell’opera”.

Oggi possiamo dire con orgoglio di essere riusciti, ancora una volta, a portare a Fidenza una grande opera dovuta, perché rientrava negli accordi della linea ferroviaria ad alta capacità, e un grande finanziamento: stiamo parlando di 7.150.000 euro. Ora, con il sottopasso di via Mascagni, che si aggiunge alla nuova scuola Solari, al parcheggio di via Marconi e allo sviluppo produttivo delle aree bonificate, la zona a Nord diventerà parte organica della città”., commenta Massari.

Abbiamo raggiunto un altro grande obiettivo: l’ultimo tassello per completare il ridisegno della viabilità interna, che permette finalmente di passare il rilevato ferroviario in centro e di consentire un collegamento oggi possibile solo con il piccolo sottopasso a semaforo di via Mazzini: una struttura vecchia e ormai sottodimensionata rispetto al volume di traffico esistente. Quest’opera ci permetterà di eliminare quel semaforo e di dare una piena accessibilità ai fondi agricoli e alle case che sono poste tra le due ferrovie. RFI ci ha assicurato la conclusione dei lavori entro la metà del 2019. Con la realizzazione del sottopasso di via Mascagni, si completeranno tutte le opere realizzate grazie agli accordi Tav: il ponte sullo Stirone, il collegamento tra via Granella e Bastelli, il nuovo sottopasso di via dell’Isola alla tangenziale, lo scavalco della ferrovia lungo la linea Fidenza-Cremona, la sistemazione della strada Campobianco da Rimale a Castione”, sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici e Viabilità, Davide Malvisi.

Presenti alla firma dell’accordo: il sindaco Andrea Massari, l’assessore ai Lavori pubblici e viabilità, Davide Malvisi, e i vertici di RFI: ing. Gianluigi De Carlo e l’amministratore delegato di RFI, Maurizio Gentile.

 

L’opera

Il sottopasso sarà largo 11 metri con possibile doppio senso di marcia, corsie da 3,50 metri ciascuna, pista ciclabile e marciapiede a quota intermedia e altezza utile di 5 metri, quindi in grado di ricevere il passaggio di tutti i mezzi di sicurezza. L’opera avrà due tratti coperti sul collegamento via Mascagni-via Croce Rossa in corrispondenza delle linee ferroviarie, oltre ad un altro tratto coperto sulla linea Fidenza-Cremona a servizio dei fondi agricoli e delle abitazioni oggi tagliate dalle due linee ferroviarie. Il sottopasso era un’opera prevista già nel ‘97 all’interno delle opere compensative della Tav, divenuta operativa con gli accordi siglati nel 2004-2005. Accordi che hanno portato a Fidenza oltre 10 milioni di euro per altri 7 interventi, tutti realizzati entro il 2009 a servizio della modernizzazione della viabilità locale. Il progetto preliminare è stato votato in Giunta il 25 marzo 2016.

Pubblicato: 12 Ottobre 2016