1861-2011: 150 anni d'Italia
1861-2011: 150 anni d'Italia
  • Teatro Magnani e Municipio
  • Municipio (interno) e Ponte Romano
  • Bassorilievo del Duomo e Cortile ex convento Orsoline

IL DRAMMA DEL GIOCO D'AZZARDO RACCONTATO DA DANIELE RACO DI ZELIG. GIOVEDÌ 7 AL TEATRO MAGNANI C'E' “LA GALLINA. STORIE D’AZZARDO”

images-2012-locandina raco2-212x300.jpg

 

Affrontare un tema “difficile” come quello della dipendenza dal gioco d'azzardo in modo “leggero”, con l'obiettivo di raggiungere tutti. Nasce con questa premessa l'appuntamento di giovedì 7 febbraio con la messa in scena al Teatro Magnani di Fidenza, alle ore 20.30, de “La gallina. Storie d’azzardo e altre storie”, di e con Daniele Raco, volto noto di Zelig.

 

Lo spettacolo, prima tappa di un progetto di prevenzione inserito nel Piano locale GAP (gioco d’azzardo patologico) del Distretto di Fidenza e che coinvolgerà nei prossimi mesi molti Comuni del Distretto, è un “diario di un viaggio” nell'inferno del gioco d'azzardo, raccontato attraverso le storie di tanti personaggi - un barista, un ex direttore delle poste, un comico, un politico, un muratore e una casalinga - in lotta contro il dramma della dipendenza dal gioco compulsivo.

 

Ma, come detto, strappare una risata non è l’obiettivo principale dello spettacolo. Il linguaggio del teatro e la comicità dell’attore sono un mezzo per coinvolgere e sensibilizzare il pubblico sul problema, sempre più serio, del gioco d’azzardo e della dipendenza patologica che genera. Una vera e propria piaga sociale con conseguenze pesanti non solo per il giocatore, ma anche per la sua famiglia, sul piano economico e psicologico; una malattia dalla quale è possibile guarire attraverso l’aiuto di professionisti dei servizi sanitari dedicati alle dipendenze patologiche (SerDP) ai quali rivolgersi con fiducia.

 

Il tema della dipendenza dal gioco d'azzardo – spiega l'assessore al Welfare Alessia Frangipane - tocca da vicino anche la nostra comunità, motivo per cui come amministrazione stiamo da tempo lavorando per sensibilizzare le persone sui rischi connessi al gioco. Per dare qualche dato, a Fidenza nel 2017 sono state effettuate giocate per oltre 44 milioni di euro, una cifra enorme che spalmata su una popolazione di 26.898 abitanti produce una media di 1.639 euro cadauno. Soldi che vengono letteralmente gettati nel gioco d'azzardo con ritorni che, come è facile capire, non si avvicinano assolutamente alle somme investite. Un fenomeno che assume ogni giorno di più i contorni di un'emergenza sociale rispetto alla quale è nostro dovere attivarci come Comunità”.

 

L'iniziativa promossa dal Comune di Fidenza e Azienda USL e realizzata con il contributo della Regione Emilia-Romagna, è aperta a tutta la cittadinanza e l’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.

 

 
www.fidenza.mobi